Puericultrice. Tra mito e realtà.

newborn-baby-feet-basket-161709.jpeg

Chi sono i tuoi maestri?

I miei maestri? I bambini, da loro ho imparato tutto.

La prima volta che ho sentito parlare di puericultrice ho pensato: “ma voi siete matti”. Pensavo si trattasse di una figura inutile, in fondo che ci vuole mai a impostare i ritmi di un neonato? E ora, al secondo figlio che ha da poco fatto nove mesi, posso dire con certezza che mi sbagliavo. Impostare i ritmi di un neonato è un casino. Una delle imprese più difficili che ci siano. Considerando poi che lo facciamo dopo aver partorito. Quindi con l’umore vagamente instabile e sentendoci come se il nostro corpo avesse subito un esproprio, il tutto si complica ancora di più. Certo poi si dimentica o comunque non ci pensiamo più. Ma i primi mesi sono duri. E spesso li affrontiamo da sole. Perché c’è molta paura di chiedere aiuto. Perché non ci si tramanda più di donna in donna tutto il sapere in fatto di post parto e neonato come ai tempi delle nostre nonne. Prima la comunità femminile si stringeva intorno alla neomamma per rivelarle ogni segreto acquisito con fatica. Oggi no. In ospedale mi ricordo che sono venute a trovarmi donne in forma smagliante e guardandomi, sfinita dalla stanchezza e sentendomi un pallone con la sensazione che non sarei mai più tornata come prima, mi hanno detto “certo guarda stai un fiore, il parto naturale è una vera passeggiata.” Ovviamente loro avevano già dimenticato, ormai con bambini di tre anni e ovviamente hanno fatto cesareo. Una volta una mia amica mi ha detto che forse le donne fanno così perché non vogliono ricordare il loro parto, quei primi mesi a casa. Fingono con la nuova neomamma perché fingono con loro stesse. Può darsi, ma secondo me dobbiamo smettere. Dobbiamo raccontarci la verità. Gioie e dolori. Paura e sconforto, perché così faremo sentire capite la mamma accanto noi. Continua a leggere “Puericultrice. Tra mito e realtà.”

Sarà difficile diventar grandi, prima che lo diventi anche tu

img_4645
Diventando grandi

Meglio leggere ascoltando A modo tuo.

Ligabue ha ragione. Da quando sono diventata mamma mi domando spesso cosa voglio insegnare ai miei figli. Come posso aiutarli a crescere, a diventare “grandi”se non ho ben capito nemmeno io come si faccia. E a volte mi sento inadeguata, perché la verità è che io  stessa sto ancora imparando a diventare grande, che non ho finito di capire chi sono. Che ogni giorno scopro qualcosa di nuovo su di me. Alcune volte qualcosa di buono altre un po’ meno. Essere mamma trentenne in questo mondo è complicato. Perché tutto intorno a noi ci dice come fare come non fare, senza darci però nessuna vera indicazione. E alla fine ci sentiamo sole.

Continua a leggere “Sarà difficile diventar grandi, prima che lo diventi anche tu”

Di compleanni e bilanci. Daje tutta! La vita è adesso.

happy-birthday2

Poi farò. Appena finisco di. Il prossimo anno ho deciso che sarò. Eh no. Così non funziona. Giriamo come trottole e a volte perdiamo la rotta. Così posticipiamo, ragioniamo per un futuro troppo lontano che alla fine ci stordisce e mette ansia. E invece Baglioni ha sempre capito tutto. Perché la vita è adesso. E pensarla sempre al futuro è come vivere nel passato. Ci perdiamo un pezzo, il migliore, il presente. Venerdì è stato il mio compleanno e spegnando le candeline ho soffiato via quella patina dagli occhi. Quella fatta di ansia e di pensieri lontani che alla fine mi sfuggono tra le mani. Mentre sentivo Bibi cantarmi “a ti…” la sua versione di Tanti auguri a te ho visto il mio qui e ora e mi ci sono tuffata dentro. Continua a leggere “Di compleanni e bilanci. Daje tutta! La vita è adesso.”

Zaini, marines e romanticismo. Mamme trentenni al nido

 

Questa settimana ricomincia la scuola e settembre ‘sta volta mi ha fatto una bella sorpresa. Ho ricominciato a fare lo zainetto anche io. Solo che invece di uniposca e Smemoranda ci ho messo un ciuccio, un coniglio di peluche (Tato) e pannolini vari. Ma a parte questa piccola differenza, l’emozione era quella. Continua a leggere “Zaini, marines e romanticismo. Mamme trentenni al nido”

quando il lunedì dura tutta la settimana

img_7303
Ormai è da qualche giorno che siamo tornati tutti operativi. Settembre ci ha messo tutti a lavoro come formiche nel formicaio. Andiamo a destra e sinistra, facciamo scorte per l’inverno, ricostruiamo la tana. Questa settimana per me è stata un lunghissimo lunedì! Continua a leggere “quando il lunedì dura tutta la settimana”